Condividi sui social

Cambiare una lampadina può sembrare un lavoro facile e in effetti a volte lo è; tuttavia, ci sono alcune importanti misure di sicurezza da ricordare e in certi casi il procedimento è un po’ complesso, ad esempio quando bisogna sostituirne una che si trova su un soffitto a volta molto alto oppure quella della luce interna dell’abitacolo dell’automobile.

1

Rimuovere la LampadinaAccertati di aver scollegato l’elettricità. Si tratta di un’accortezza molto importante da prendere ogni volta che devi fare della manutenzione su elementi elettrici: pensa alla tua sicurezza!

 

  • Ti basta abbassare l’interruttore generale presente sulla scatola dei fusibili o sul pannello del salvavita; ricorda che questa operazione toglie elettricità a tutta l’abitazione e non solo al lampadario su cui stai lavorando.
  • Puoi anche togliere semplicemente la spina dalla presa di corrente prima di cambiare la lampadina (se è applicabile); in caso contrario, rischi di prendere la scossa. Devi sempre essere cauto quando lavori con l’elettricità.
Prendi altre misure di sicurezza. Ci sono alcune cose che dovresti considerare, soprattutto se il lampadario si trova su un soffitto alto.

 

  • Aspetta che la lampadina si raffreddi prima di svitarla. Se era accesa fino a poco tempo prima, è probabile che sia rovente al tatto e potrebbe causarti delle bruciature alle dita.[1][2]
  • Se è montata su un lampadario al soffitto, non cercare di mantenere l’equilibrio su una sedia instabile o un altro supporto simile, ma utilizza una scala a libretto robusta per poter raggiungere la lampadina senza cadere.
  • In alternativa, puoi optare per uno speciale strumento estensibile che permette di svitare le lampadine che si trovano molto in alto e che rappresenta spesso la soluzione più sicura; non dimenticare che puoi anche affidare il compito a un tuttofare! Per questo tipo di lavoro non dovresti aver bisogno di altri attrezzi.

 

2

Sostituire una Semplice LampadinaEstrai la lampadina dal suo alloggiamento. Se è facile raggiungere il lampadario, il procedimento è piuttosto elementare; i portalampada sono diversi in base al modello di plafoniera.

  • Se ti trovi di fronte a un meccanismo a baionetta (piuttosto comune nel Regno Unito e in Nuova Zelanda), tieni la lampadina delicatamente ma con fermezza, spingila verso il basso e contemporaneamente falla ruotare in senso antiorario, in modo da staccarla dal suo alloggiamento; questo tipo di portalampade ha due punte.
  • Se il portalampada è a vite, un dispositivo diffuso in America e in Europa, dovresti semplicemente ruotare la lampadina in senso antiorario; così facendo, sei in grado di allentarla e smontarla.
Inserisci il ricambio nel portalampada. Per eseguire questa operazione, devi avvitare la nuova lampadina ruotandola in senso orario; ricorda: si smonta in senso antiorario e si monta in senso orario.

 

  • La lampadina potrebbe fissarsi nel suo alloggiamento immediatamente o potrebbe essere necessario ruotarla un po’ finché non si muove più. Se è un modello a baionetta, devi allinearne la base con le due punte del portalampada; spingila e ruotala verso l’alto in senso orario.
  • Se ha una base a vite, ti basta inserirla nel foro e ruotarla; in genere, devi scegliere un modello con la stessa potenza elettrica di quello vecchio, a meno che non desideri una luce più o meno intensa rispetto a quella che avevi in precedenza.
  • Controlla l’etichetta che si trova sul portalampada o sul lampadario per conoscere la potenza e l’intensità di corrente nominali, assicurandoti che quelle della lampadina non eccedano tali valori (leggi le caratteristiche sulla confezione della lampadina stessa).

 

3

Cambiare le Lampadine Difficili da Raggiungere

Cambia la lampadina di una plafoniera. Hai sicuramente già visto questi modelli di luci domestiche che sono fissati al soffitto. Per sostituire la lampadina devi prima togliere le viti che fissano la cupola di vetro o di plastica al suo posto; solitamente, ci sono 2-3 viti che la uniscono al telaio e che puoi svitare con un cacciavite.

  • A questo punto, rimuovi con cautela la cupola. Alcuni modelli sono dotati di un meccanismo a incastro, per cui devi spingere leggermente il vetro, farlo girare e poi estrarlo dal suo alloggiamento. Questa sequenza dovrebbe liberare il meccanismo; se c’è una tacca, è probabile che sia necessario spingere la cupola al suo interno e poi estrarla.[3]
  • Se la plafoniera non è avvitata, puoi smontarla semplicemente facendola ruotare con le mani; indossa dei guanti di gomma per migliorare la presa e l’attrito sul vetro.[4] Alcune cupole sono fissate al telaio con delle clip di metallo; cerca di sganciarne una, per permettere al vetro di scivolare via dall’alloggiamento senza difficoltà. Altri modelli sono invece dotati di una sola vite centrale di fissaggio che devi rimuovere per aprire la plafoniera.
  • Se possiedi un tipo di lampada a soffitto dotata di bordo metallico, dovresti riuscire a svitare quest’ultimo con le mani. A volte, è necessario spezzare prima una sorta di sigillo; alcune persone che imbiancano il soffitto si avvicinano troppo alla plafoniera e il colore penetra sotto il bordo, indurendosi e “incollando” la cupola. Esercita una leggera pressione verso l’alto e fai girare il bordo in senso antiorario per staccare il sigillo; in alternativa, puoi usare un cacciavite piatto o un coltello, ma procedi con cautela